Farestoria (nuova serie)

FARESTORIA
Società e storia pubblica

Rivista semestrale dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea nella provincia di Pistoia (ISSN 2612-7164)

Farestoria è una rivista di storia pubblica che vuole evidenziare l’importanza della ricerca storica, sottolineando il valore e il ruolo sociale della storiografia, e la sua utilità nel contesto attuale, indagando le forme in cui la storia è presente ed è usata nella società: dal consumo culturale agli utilizzi commerciali o politici, senza tralasciare le forme di partecipazione della cittadinanza al processo di costruzione della storia, della memoria, e dei significati del passato.

Nel solco della tradizione su cui si innesta la nuova serie, Farestoria è inoltre una rivista interdisciplinare che accoglie e promuove il dialogo e l’interazione tra approcci metodologici diversi.

Infine, credendo nell’importanza della libera circolazione dei contenuti culturali, i fascicoli precedenti all’ultimo pubblicato saranno rilasciati alla libera fruizione in formato open access sul sito dell’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea di Pistoia.

Codice Etico

Direttore Responsabile: Tommaso Artioli

Direttore Redazione Farestoria: Stefano Bartolini

Redazione Farestoria:
Giulia Bassi, Stefano Bartolini, Federico Creatini, Francesco Cutolo, Daniela Faralli, Sandro Landucci, Edoardo Lombardi, Chiara Martinelli,  Filippo Mazzoni, Francesca Perugi, Alice Vannucchi

 

 

INFO E ACQUISTI

Per acquistare è possibile rivolgersi direttamente all’ISRPT oppure visitare le principali piattaforme di vendita online (IBS, Amazon, ecc)

In caso di acquisto diretto da ISRPT Editore (costo singolo numero: 8 € + 1,28 € spese di spedizione) effettuare il versamento e inviare una mail a ispresistenza@tiscali.it contenente numero richiesto e indirizzo di spedizione.
Il versamento può essere effettuato: 
– con Bonifico Bancario sul conto n. 68711100000000722 dell’Intesa San Paolo filiale Viale Adua intestato a Istituto Storico della Resistenza di Pistoia IBAN IT66Z0306913834100000000722
– con bollettini di Conto Corrente Postale sul numero 10443513 intestato a Istituto Storico della Resistenza di Pistoia; oppure con bonifico Conto Corrente Postale IBAN IT30S0760113800000010443513

Altrimenti acquista qui gli ultimi numeri:

 

 

 

NUMERI E INDICE

 

Farestoria. Società e storia pubblica
Nuova serie, Anno III, n. 2 luglio-dicembre 2021
Malattie e società. Esperienze, pratiche, rappresentazioni 
a cura di Costanza Bonelli e Francesco Cutolo

 

L’emergenza sanitaria provocata dalla pandemia di Covid-19 ha determinato mutamenti profondi nella società, portando a ripensare il nostro rapporto con i concetti di salute e malattia, con inevitabili ricadute sulla ricerca storica e sui modi di interfacciarsi con il passato. Stimolati da un’opinione pubblica che cercava nel passato termini di paragone all’attuale pandemia, gli storici hanno mostrato crescenti attenzioni per questioni inerenti alla storia della medicina, fino ad allora sostanzialmente trascurate e rimaste ai margini della riflessione storiografica, specie in Italia.
Sulla scia di questo rinnovato interesse, questo numero di «Farestoria» si pone l’ambizioso obiettivo di affrontare, integrando e intrecciando approcci storiografici tra loro diversi, il nesso società-malattia durante l’età contemporanea, focalizzando l’analisi sulla fase che va dal XIX secolo alla metà del XX secolo. Un arco cronologico ampio, ma di capitale importanza per comprendere gli sviluppi successivi e il presente, in cui affezioni note, nuove minacce “globali” (come il colera e la febbre gialla) e malattie emergenti convivono e si sovrappongono ai problemi connessi all’aumentata incidenza sulla mortalità delle affezioni croniche e degenerative, al proliferare di malattie professionali (legate allo sviluppo industriale), all’insorgere di patologie correlate all’inquinamento ambientale. Prestando attenzione alle dinamiche di circolazione del sapere e delle pratiche sanitarie, che tra XIX e XX secolo conoscevano un inedito processo di accelerazione e istituzionalizzazione, il fascicolo si propone di indagare la malattia nelle sue molteplici dimensioni: quella temporale di evento, di insorgere improvviso in un territorio, o di permanenza e quotidianità all’interno di un dato spazio (territoriale od organico); quella sociale e culturale del vissuto del malato di fronte all’esperienza della malattia, intesa come evento individuale o collettivo; quella delle risposte governative, professionali e profane all’insorgere delle affezioni. Il numero presta inoltre attenzione alle modalità con cui la storia della medicina si è costituita come disciplina, ai nessi locali e globali in cui il rapporto malattie-società prende forma tra XIX e XX secolo e alla dimensione pubblica che accompagna e struttura tale relazione. Analizza infine i processi di formazione della memoria privata e pubblica della malattia, dei mutamenti che il ricordo dell’esperienza di sofferenza e di cura conosce nel tempo individuale e collettivo.

Introduzione
Costanza Bonelli, Francesco Cutolo, curatori – p. 5

Saggi
P. Panciroli, La medicina come scienza popolare. Il caso della letteratura medica domestica nell’Italia dell’Ottocento – p. 13
G. Ennas, Confine sanitario o nazionale? L’influenza delle epidemie
nell’emergere dei nazionalismi balcanici – p. 33
G. Lucaroni, “Viribus unitis”. Premesse e digressioni della lotta antitubercolare fascista – p. 51

Rubriche
Conversazioni storiografiche
D. Lippi, C. Bonelli, F. Cutolo, La Storia della medicina in Italia. Un’intervista – p. 73
Forum storiografico
R. Bianchi, A. Casellato, G. Contini, a cura di C. Bonelli, F. Cutolo, Memorie della “spagnola” – p. 81
Forum storiografico
S. Bartolini, P. Causarano, G. Zazzara, B. Ziglioli, Ambiente, malattia, lavoro – p. 105
Rassegna tematica
G. Cerasoli, Leggere le malattie nelle tavolette votive. Medicina, malati e società tra il secolo XV e oggi – p. 131
Le fonti della storia
U. Pavan Dalla Torre, Lo stigma della guerra. Tubercolosi e follia di guerra in Italia durante e dopo la prima guerra mondiale nella visione dell’Associazione Nazionale fra Mutilati ed Invalidi di Guerra (ANMIG) – p. 141
Ricerche in corso
M.E. Cantilena, Aids e tossicodipendenza. Le politiche di riduzione del danno in Italia tra provvedimenti legislativi e impegno sociale – p. 149
Comunicare la storia
I. Bolzon, Appunti per una storia del tempo presente. Il progetto “Istantanee dal presente. Testimoni al tempo del Covid-19” – p. 157
Autori e autrici – p. 168

ISBN 978-88-6144-074-6
ISSN 2612-7164

Clicca qui per acquistare il volume cartaceo su IBS

 


Farestoria. Società e storia pubblica
Nuova serie, Anno III, n. 1 gennaio-giugno 2021
I movimenti di Genova, venti anni dopo 
a cura di Stefano Bartolini

 

Tra il 1999 e il 2003 lo scenario politico mondiale fu attraversato dal cosiddetto movimento “altermondista”, un soggetto composito e internazionale che muoveva da istanze economico-sociali rivendicando una globalizzazione diversa e alternativa da quella che si stava imponendo dopo la fine della Guerra fredda, sintetizzata nello slogan “Un altro mondo è possibile”.
Definita anche come “il movimento dei movimenti”, questa ondata di attivismo si caratterizzò per aver posto con forza una critica di sistema al modello di globalizzazione neoliberista (da cui l’altra definizione di “No global”, utilizzata dai media e in certi casi fatta propria dagli attivisti) ma anche per una certa dose di indeterminatezza di prospettive. Al suo interno furono presenti numerosi aspetti, anche non lineari fra loro: dai Social forum agli “assedi” contro le grandi assisi degli organismi internazionali (WTO, G8, Consiglio europeo, Davos ecc.); componenti cattoliche, marxiste, ecologiste e anarchiche; uso dei nuovi media all’epoca emergenti (video e internet) e persistenza di forme di comunicazione politica novecentesca
(volantini, musica attraverso la nuova formula dei sound system ecc.); un approccio spaziale alla dimensione dell’attivismo che tentava di coniugare la consapevolezza dell’interdipendenza planetaria con i limiti geografici di azione riassunta sempre con uno slogan, “Pensa globale agisci locale”.
Crinale fra l’ultima mobilitazione del Novecento e la prima del nuovo secolo ed incubatore di una nuova “estetica” della protesta e di forme di attivismo che si sarebbero poi manifestate di nuovo dopo la crisi economica del 2008 in Grecia e in movimenti come Occupy Wall Street e 15 Mayo (Indignados), questo movimento non sempre, e non ovunque, ha lasciato un’eredità e si è trasformato successivamente in una qualche forma di progetto e/o di organizzazione politica.
Farestoria ha voluto cogliere l’anniversario dei fatti del G8 di Genova del luglio 2001, evento segnante e simbolico tra i più importanti di quel periodo e impressi nella memoria pubblica, per iniziare a storicizzare quella fase a cavallo fra i due secoli e quei movimenti politico-sociali.

Introduzione
Stefano Bartolini – curatore – p. 5

Saggi
A. Conti, Alla ricerca di un nuovo comunismo. Rifondazione comunista e il movimento no-global (1999-2003) – p. 9
L. Cappellini, Genova 2001. Una memoria multimediale – p. 25
G. Carotenuto, Il G8 di Genova attraverso l’égo-histoire: ma io ero (noi eravamo) no-global nel 2001? – p. 45

Rubriche
Ricerche in corso
S. Bartolini, Microstoria del movimento: il caso di un collettivo a Pistoia – p. 67
Conversazioni storiografiche
Dialogo con Alessandro Portelli – p. 83
Public History
G. Paoli, L. Orsi, Genova Venti Zerouno. Il mondo che verrà – p. 91
Schede
A. Vannucchi (a cura di), La memoria di Genova. Una rassegna – p. 95
Autori e autrici – p. 101

ISBN 978-88-6144-073-9
ISSN 2612-7164

Clicca qui per acquistare il volume cartaceo su IBS

 


Farestoria
Nuova serie, Anno II, n. 2 luglio-dicembre 2020
Spostarsi: migrazioni, lavoro, identità e conflitti
a cura di Stefano Bartolini

A partire dagli anni Novanta del secolo scorso i fenomeni migratori sono divenuti sempre più frequentemente oggetto di studio da parte delle scienze umane e sociali. Nei paesi occidentali questa attenzione è stata il frutto dei diversi flussi migratori, soprattutto in entrata, che ne hanno interessato le società. È stata prodotta una mole enorme di ricerche sui vari aspetti delle migrazioni, sui loro motivi, il loro impatto, le loro dinamiche interne e transnazionali ecc. Le ricerche hanno investito prevalentemente le scienze che lavorano “al presente”, ma anche la storiografia progressivamente ha messo a fuoco la tematica, con un’ottica di lungo periodo, contribuendo alla produzione di studi che hanno aumentato la nostra conoscenza delle migrazioni nella storia delle società umane. In questo campo si sono cimentate la demografia storica, la storia del lavoro, la storia orale e la storia economica, con significativi apporti derivati dai postcolonial studies, dai subaltern studies e dall’antropologia culturale. Disponiamo oggi di studi storici che ricostruiscono le migrazioni in epoche storiche diverse, i loro legami con l’organizzazione economica, sociale e del lavoro delle geografie umane e di potere che le produssero, la loro interazione con le catastrofi, il carattere permanente, temporaneo o stagionale di quelli che sono stati individuati come circuiti migratori, i loro legami con le politiche imperialistiche, coloniali o persecutorie messe in atto dagli Stati. Questo numero di Farestoria dedicato alle migrazioni intende focalizzarsi su questi fenomeni per restituirne una lettura storica, tanto del passato più distante da noi che di quelli tutt’ora in corso e delle reazioni ad essi.

Introduzione di Stefano Bartolini, curatore  – p. 5

Saggi
T. Ricciardi, Le catastrofi delle migrazioni: punti di cesura o rivelatori
di processi terminati? – p.  9
G. Francisci, La diplomazia sociale nell’esperienza migratoria italiana
tra la Grande guerra e il primo dopoguerra: due casi di studio
(1915-1924) – p. 25
F. Spagnoli, L’immigrazione italiana in Franca Contea (Nord-Est della
Francia) nella seconda metà degli anni ’20 vista da due
studi francesi contemporanei – p. 39
R. Niccolai, In Francia per lavorare. Dal macro al micro: migrazioni,
lavoro e lotta di classe – p. 53
M. Palacios, Antòn L’emigrazione nei quartieri operai durante il franchismo
attraverso la storia orale: il caso di Gamonal (Burgos, Spagna) – p. 67
A. Coco, Le donne e gli uomini che trasformarono Montemurlo.
Voci da una pagina della “grande migrazione interna”
(1945-1975) – p. 75
C. Paris, “Non ero una ragazza really da sposare”. Una storia
di emigrazione matrimoniale, Thunder Bay, 1963 – p. 91
S. Orazi, “Mille baci dall’indimenticabile marito”. Risvolti morali e sociali
della questione femminile negli anni della grande emigrazione
verso gli Stati Uniti – p. 103
M. Moschetti, Riot on an empty street. Italoamericani e afroamericani
a Chicago nel secondo ‘900 tra conflitti e convivenza abitativa – p. 111

Contributi
S. Manali, Fare rotta verso nuove terre: la diaspora greco-albanese
della prima età moderna – p. 135
E. Palumbo, Nakba: memoria e storia orale della catastrofe palestinese – p. 147
A. Possieri, I «barbari alle porte». Discorso pubblico e dibattito
parlamentare durante l’approvazione della Legge Bossi-Fini – p. 157
F. Perugi, “Noi e l’Islam”. Il cardinale Carlo Maria Martini
e l’immigrazione dai paesi islamici nei primi anni ‘90 – p. 169

Autori e autrici – p. 175

ISBN 978-88-6144-070-8
ISSN 2612-7164

Clicca qui per leggere il volume

Clicca qui per acquistare il volume cartaceo su IBS

 


Farestoria
Nuova serie, Anno II, n. 1 gennaio-giugno 2020

La storia nella scuola, la scuola nella storia
a cura di Chiara Martinelli e Alice Vannucchi

Riscoprire le radici storiche e le poste in gioco della scuola risulta tanto più importante in un periodo come questo, in cui la questione scolastica è drammaticamente salita alla ribalta e i suoi problemi, volente e nolente, sono diventati argomento di riflessione e dibattito collettivo. Il fascicolo affronta, in un’ottica interdisciplinare, alcuni nodi fondanti della storia della scuola e della didattica della storia: l’annosa questione tra accentramento e decentramento, la disoccupazione intellettuale, la posizione degli insegnanti nei confronti dello stato, le riforme degli anni Settanta e le loro ricadute sulla scuola d’oggi. La sezione di didattica della storia tematizza contenuti, strumenti e modalità d’applicazione, evidenziando le potenzialità della disciplina per la crescita dell’individuo e della collettività.

Introduzione, di Chiara Martinelli, Alice Vannucchi – p. 5

Saggi
Gabriele Cappelli, Decentramento, divario regionale e ritardo comparato:
l’istruzione primaria in Italia, 1861-1921 – p. 9
Andrea Dessardo, I maestri cattolici e lo Stato (1900-1909) – p. 21
Chiara Martinelli, Lo spostato. Chi era costui? – p. 37
Federico Creatini, Antifascisti in cattedra: metodologia, questioni e prospettive di ricerca nelle carte del Casellario Politico Centrale – p. 53
Davide Trevisanello, «Nella pagella avevamo tutti dieci»: nascita di una scuola
a tempo pieno – p. 67
Alfiero Boschiero, Lavoratori, conoscenza, potere – p. 77

Contributi
Matteo Moca, Provare a “rimuovere gli ostacoli”. Un progetto sui significati
dei Principi fondamentali della Costituzione italiana – p. 91
Silvia Guetta, Didattica per la conoscenza della Shoah: alcune proposte
di lavoro – p. 97
Agnese Portincasa, Novecento.org: vent’anni di storia da raccontare – p. 109

Discussione sul volume
Alice Vannucchi, Public history of education: riflessioni, testimonianze,
esperienze – p. 119

Autori e autrici – p. 123

ISBN 978-88-6144-069-2
ISSN 2612-7164

Clicca qui per leggere il volume

Clicca qui per acquistare il volume cartaceo su IBS

 


Farestoria
Nuova serie, Anno I, n. 2 luglio-dicembre 2019

Effetto Sessantotto
a cura di Francesca Perugi

Il fascicolo affronta il periodo storico compreso tra il 1968 e gli anni Settanta e mira a indagare come quegli anni incisero sulla cultura politica, sociale e religiosa degli italiani, con effetti visibili ancora oggi sulla società. Il numero si inserisce quindi nel dibattito storiografico sul tema del “lungo Sessantotto”, senza dare per scontato che quanto avvenne in Italia negli anni Settanta possa definirsi una diretta conseguenza delle proteste scoppiate in quell’anno. I contributi mettono in luce il cambiamento, in particolare sociale e culturale, che l’Italia affrontò alla fine degli anni Sessanta e nel decennio successivo.

Presentazione di Roberto Barontini – p. 5
Introduzione di Francesca Perugi, Perché parlare ancora del ‘68 – p. 7

Saggi
Giulia Bassi, Servendo il popolo. Il discorso sulla violenza nelle riviste della sinistra extraparlamentare italiana (1968-1972) – p. 9
Francesca Perugi, «Se lo Stato stesso ha il volto della violenza». Le ambiguità del dissenso cattolico di fronte al terrorismo (1968-1978) – p. 29
Chiara Melacca, Mamma, come si fanno i bambini? La sessualità invisibile delle figlie (1960-70): una ricerca di storia orale 45
Maria Elena Cantilena, «Il potere nasce dall’erba e dal fucile». La droga tra consumo e contestazione nel lungo Sessantotto italiano – p. 61
Filippo Mazzoni, La nascita dei Consigli di Circoscrizione a Pistoia – p. 79

Contributi
Santina Musolino, Il movimento femminista e la questione della violenza politica negli anni Settanta: una riflessione sociologica – p. 99

Testimonianze
Stefano Bartolini, Intervista collettiva a Renzo Innocenti, Andrea Ottanelli e Rossella Dini – p. 107

Recensioni
Chiara Martinelli, “Monica Galfrè, La scuola è il nostro Vietnam. Il ’68 e l’istruzione secondaria italiana” – p. 137
Alice Vannucchi, “Francesca Socrate, Sessantotto. Due generazioni”  – p. 139

ISBN 978-88-6144-067-8
ISSN 2612-7164

Clicca qui per leggere il volume

Clicca qui per acquistare il volume cartaceo su IBS

 


Farestoria
Nuova serie, Anno I, n. 1, Gennaio-Giugno 2019

Fascismo e Violenza

Questo numero mira a indagare il rapporto tra il fascismo e la violenza, nella duplice accezione di violenza fascista e di violenza “nel” fascismo, di violenza agita e di violenza rappresentata.
Ereditata, praticata, celebrata, esaltata, teorizzata, osannata, raccontata, mitizzata ed infine negata, la violenza si situa alle origini del fascismo stesso, quando lo squadrismo ne fece in maniera inedita uno strumento e un linguaggio politico dirompente. Lungo tutto l’arco dell’esperienza storica
del movimento mussoliniano, da piazza San Sepolcro al crepuscolo della RSI, la violenza è stata un elemento centrale, declinato in forme diverse e rinnovatosi più volte, tanto dell’ideologia che della prassi politica del fascismo, sia come movimento politico che come Stato.

Quali e quante furono le sue forme specifiche, gli ambiti di azione e le sue declinazioni in epoca fascista? Quali equilibri si realizzarono storicamente fra gli obiettivi politici ricercati attraverso la violenza e la propensione connaturata dei fascisti e del fascismo al suo esercizio? Che bilancio storiografico possiamo trarne oggi?

Presentazione di Roberto Barontini – p. 5

Saggi
Donatello Aramini, La violenza nazionalista (1919-1926): padri nobili o rivali
del movimento fascista? – p. 9
Roberto Carocci, Fascismo e questione operaia. Violenza, normalizzazione
e “consenso” tra i lavoratori romani all’inizio degli anni Venti – p. 27
Gabriele Bassi, Asimmetrie e parallelismi nella violenza d’Oltremare: il caso della Libia – p. 43
Stefano Campagna, Forme e rappresentazioni della violenza coloniale nel cinema di propaganda fascista: il caso dei documentari dell’Istituto Luce sulla conquista dell’impero in Africa Orientale – p. 59
Anna Di Giusto, Vignette coloniali. De Seta e lo stereotipo dell’Etiopia fascista – p. 75
Carlo Bianchi, Dei suoni della violenza. Metafore, analogie e gesti musicali
nel ventennio fascista – p. 93
Lorenzo Pera, «Chi non è con noi è contro di noi». Appunti sulla violenza
del fascismo repubblicano pistoiese -p. 113

Recensioni
Edoardo Lombardi, “Mimmo Franzinelli, Fascismo anno zero – 1929” – p. 127
Tommaso Artioli, “Emilio Gentile, Chi è fascista“- p. 129

ISSN 2612-7164

Clicca qui per leggere il volume