Public History e nuovi media. Narrazioni, rappresentazioni, rimozioni della proiezione pubblica del passato

Fascicolo 2/2024

Call for Columns del numero monografico della rivista «Farestoria. Società e storia pubblica»

Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea in provincia di Pistoia

Negli ultimi anni, complice anche il periodo della pandemia, la sfera pubblica è stata caratterizzata da una vasta affermazione, accanto ai media tradizionali come la televisione, il cinema, la radio, o la stampa, delle nuove forme di comunicazione, e in particolare podcast, social network, e piattaforme digitali di ogni tipo. In questo contesto la Public History si è evoluta in modo significativo proprio grazie al ruolo dei nuovi media, che fungono da ponte tra gli studiosi e la società, un’interazione alimentata dalla capacità di presentare la storia in modi coinvolgenti e accessibili, raggiungendo così ambiti, ambienti e strati della comunità altrimenti difficilmente intercettabili.

Leggi tutto “Public History e nuovi media. Narrazioni, rappresentazioni, rimozioni della proiezione pubblica del passato”

Quale passato? Politiche della memoria, usi politici della storia e conflitti memoriali nel tempo presente

Fascicolo 1/2024

Call for Columns del numero monografico della rivista «Farestoria. Società e storia pubblica»

Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea in provincia di Pistoia

La memoria, intesa come processo di costruzione sociale del passato, è da sempre al centro di complesse dinamiche politiche. Nel tempo, attori istituzionali e non (compagini statali, gruppi politici, ecc.) hanno elaborato e riscritto le narrazioni storiche per legittimarsi, ricercare consenso, rafforzare la propria autorità e/o costruire identità collettive. I poteri statali continuano a intraprendere azioni per diffondere, se non imporre, un determinato senso del passato attraverso provvedimenti sui programmi scolastici, interventi sul calendario civile, la creazione e/o lo smantellamento di siti della memoria e musei, misure sulle attività di ricerca, ecc. Sono fenomeni caratteristici dei regimi autoritari, ma che interessano pure gli organismi statali e sovranazionali, come l’ONU e l’UE, di matrice democratico-liberale. Questi hanno fatto delle attività commemorative uno dei principali strumenti per educare la cittadinanza ai valori democratici (in particolare, il rispetto dei diritti umani), sebbene tali iniziative finiscano non di rado per trasformarsi in una sorta di “catechismo laico”, un insegnamento prescrittivo che risulta poco significativo ed efficace. Inoltre, anche nei paesi democratici sempre più spesso le autorità e la politica mobilitano e manipolano il passato per rilanciare e rinsaldare narrazioni nazionaliste.

Leggi tutto “Quale passato? Politiche della memoria, usi politici della storia e conflitti memoriali nel tempo presente”

Progetto Matteotti

Il programma

Palazzo de’Rossi. Saloncino della Musica
Lunedì 3 giugno, ore 14.30
Pistoia un secolo fa. Echi locali di una vicenda nazionale e internazionale

Saluti di
Cristina Pantera,
Rosalba Bonacchi,
Carlo Vivoli
.

Giampaolo PerugiPistoia 1924
Rossella DiniI cattolici pistoiesi prima e dopo il delitto Matteotti
Galileo GuidiCesare Rossi, pesciatino
Perla CappelliniIl monumento nazionale a Matteotti di Jorio Vivarelli
Andrea OttanelliFilippo Turati in memoria del “più giovane, il più grande, il più degno”

Coordina i lavori Sonia Soldani

Auditorium Circolo aziendale Hitachi
Lunedì 3 giugno, ore 20.30, Cineforum

“Il delitto Matteotti” (1973) di Florestano Vancini

Introduzione di
Giorgio Petracchi

Sala soci Unicoop “Gualtiero Degl’Innocenti”
Martedì 4 giugno. Ore 8.30

L’idea dentro di me. Giacomo Matteotti per le giovani generazioni

Saluti di
Marco Leporatti, Alice Vannucchi, Matteo Giusti.

Francesca TramontiUna proposta di didattica orientativa
Confronto tra i docenti delle scuole medie superiori della Provincia di Pistoia sull’insegnamento
della storia contemporanea nell’istruzione secondaria di secondo grado
.

Coordina i lavori Giampaolo Francesconi
Intervento di Alessandra Nardini
Francesca Tramonti con Davide Binetti, Lorenzo Luconi, Martina Meoli, Gregorio Rasi
Ritratto in piedi di Matteotti. Lezione per quattro classi quarte pistoiesi.

Palazzo Vivarelli Colonna. Sala Vincenzo Nardi
Martedì 4 giugno. Ore 17

Saluti di Luca Marmo.
Proiezione del filmato “Matteotti e noi. Una lezione di Libertà“, produzione della Fondazione Matteotti
Presentazione del libro di Stefano Caretti e Marzio Breda “Il nemico di Mussolini. Giacomo
Matteotti, storia di un eroe dimenticato”

Stefano Caretti conversa con Ariane Landuyt
Coordina Rosalba Bonacchi.

Circolo Culturale Garibaldi
Martedì 4 giugno. Ore 21.30

Introduzione di Stefano Caretti
“L’idea che non muore: Matteotti racconta Matteotti
Letture a cura di Massimiliano Barbini, Rossana Dolfi e le ragazze e i ragazzi del laboratorio teatrale adolescenti del Funaro.

Antico Palazzo dei Vescovi. Sala Sinodale
Mercoledì 5 giugno. Ore 9

Dal mito alla storia. Le dieci vite di Giacomo Matteotti
Saluti di Antonio Marrese
Andrea Ricciardi, Il riformismo rivoluzionario di Giacomo Matteotti
Sheyla Moroni, Velia e Giacomo
Luigi ContegiacomoEsperienze sindacali e amministrative. La predicazione socialista in Polesine
Domenico GalloMatteotti pacifista
Alessandra SantangeloLa cultura giuridica di un penalista appassionato
Mirco CarrattieriUn secolo di memorie matteottiane
Coordina i lavori Claudio Rosati.

Antico Palazzo dei Vescovi. Sala Sinodale
Mercoledì 5 giugno. Ore 16.30
100 anni dopo. Il futuro ha un cuore antico

Saluti di Lorenzo Zogheri e Giovanni Contini Bonaccossi
Samuele Bertinelli, ProgettoMatteotti. Il senso di un anniversario
Meditare il passato. Immaginare il futuro.
Tavola rotonda con Vannino Chiti, Eugenio Giani, Valdo Spini

Modera Chiara Brilli

Casa del Popolo di Bottegone
Mercoledì 5 giugno. Ore 21.30
Saluti di Silvia Bini
Resistenza. Rapsodia per voci recitanti, coro e strumenti.
Omaggio a Giacomo Matteotti di Giovanni del Vecchio
Il Maestro Gianfranco Tolve dirige il Coro Città di Pistoia

18/05/2024: presentazione pubblica del progetto “Passi di storia. Luoghi di memorie del ‘900” e installazione di un “Floor vector” di Liberation Route Europe

Il 18 maggio 2024 alle ore 10.30 presso il giardino Novelli a Pistoia, accanto al Liceo Forteguerri, avrà inizio una passeggiata itinerante fino a Piazza della Resistenza alla scoperta dei luoghi della memoria inseriti nel progetto “Passi di storia”. Nell’occasione saranno illustrati i percorsi su Silvano Fedi, partigiano pistoiese, e su piazza della Resistenza, parco della memoria.

Il progetto “Passi di storia” è stato realizzato dall’Istituto storico della Resistenza di Pistoia, è finanziato dalla Regione Toscana ed è composto da un portale digitale (www.passidistoria.it) e da una pannellatura materiale, comprensiva di QR code, nei luoghi della memoria censiti, ovvero monumenti, giardini, cippi, lapidi, musei.

Leggi tutto “18/05/2024: presentazione pubblica del progetto “Passi di storia. Luoghi di memorie del ‘900” e installazione di un “Floor vector” di Liberation Route Europe”

È uscito il volume “La Spagnola in Toscana. Saggi sulla pandemia influenzale del 1918-1920”

Annunciamo la pubblicazione del volume “La Spagnola in Toscana. Saggi sulla pandemia influenzale del 1918-1920” a cura di Francesco Cutolo, Viella Editore.

A lungo lasciata ai margini della memoria pubblica, la pandemia influenzale del 1918-1920, responsabile di un numero di morti stimato tra i 17 e i 50 milioni, ha acquisito una notorietà inedita dal 2020, in concomitanza con l’emergenza da Covid-19. La cosiddetta “Spagnola” ha attirato anche l’interesse degli studi storici, che fino ad allora si erano poco occupati dell’evento malgrado la sua portata.

Leggi tutto “È uscito il volume “La Spagnola in Toscana. Saggi sulla pandemia influenzale del 1918-1920””